Ciao a tutti,
per chi avesse voglia di ‘sperimentare’ questo nuovo server web, qualche piccolo consiglio sull’installazione.

Io ho dovuto ‘ripulire’ il sistema da tutti quei programmi che potevano entrare in conflitto con questo nuovo ‘servizio di sistema’ e poiché nel mio server erano stati inizialmente installati apache2 e varie librerie tipo webmin, ho provveduto inizialmente alla loro rimozione ‘forzata’!

apt-get remove webmin apache2 -f
update-rc.d -f apache2 remove

successivamente ho aggiornato il sistema

apt-get update && apt-get upgrade

e per concludere ho installato lighttpd

apt-get install lighttpd

Dopo l’installazione, ho cominciato a popolare la cartella /var/www/www.miosito.it/html con un file index.html e vediamo se è raggiungibile da internet digitando http://w.x.y.z/www.miosito.it/html/index.html dove w.x.y.z è l’indirizzo ip del mio server. Se funziona vuol dire che avete fatto tutto correttamente!

Adesso digitiamo qualche altro comando:

lighty-enable-mod simple-vhost
/etc/init.d/lighttpd force-reload

Perfetto! A questo punto siamo pronti per installare alcuni componenti importanti:

apt-get install mysql-server php5-cgi php5-gd php5-mysql

Durante l’installazione il software vi chiederà la password dell’utente root: questo è molto importante a fini della sicurezza. Per far si che mysql funzioni correttamente con lighttpd dobbiamo fare qualche modifica al file /etc/lighttpd/lighttpd.conf (in particolare duplicatelo con il nome di lighttpd.conf.original) aggiungendo le seguenti righe di codice dopo la scritta server.modules=(

"mod_fastcgi",
"mod_rewrite",
"mod_auth",

Inoltre alla fine del file dovete aggiungere la seguente riga di codice:

fastcgi.server = ( ".php" => ((
"bin-path" => "/usr/bin/php5-cgi",
"socket" => "/tmp/php.socket"
)))

Adesso per completare l’opera, dobbiamo modificare il file /etc/lighttpd/conf-enabled/10-simple-vhost.conf . Questo file contiene le istruzioni per far si che se ad esempio i nostri utenti provassero a collegarsi a pagine web non più disponibili, ecco che voi potete dirottare queste mancate richieste alla pagina di un sito da voi definito. Nell’esempio che segue abbiamo impostato la pagina di ItaliaServerONE :

## Simple name-based virtual hosting
##
## Documentation: /usr/share/doc/lighttpd-doc/simple-vhost.txt
## http://www.lighttpd.net/documentation/simple-vhost.html

server.modules += ( "mod_simple_vhost" )

## The document root of a virtual host isdocument-root =
## simple-vhost.server-root + $HTTP["host"] + simple-vhost.document-root
simple-vhost.server-root = "/var/www"
simple-vhost.document-root = "/html/"

## the default host if no host is sent
simple-vhost.default-host = "www.italiaserverone.it"

Assicuratevi che lighttpd accetti le nuove impostazioni facendo il reload del servizio, perché adesso potrete registrare il vs sito e puntare i DNS all’ip del vs server. Bravi, avete pubblicato il vs primo sito web!!

P.S.: Se dovesse capitarvi che un sito web non funziona in qualche suo componente, assicuratevi di avere tutte le librerie installate; per verificare ciò potete create un file di nome info.php nella cartella /var/www/ con all’interno la seguente riga di codice:

<?phpinfo();
?>

Adesso collegandovi al vostro sito http://w.x.y.z/info.php e verificate le librerie correntemente installate sul vostro Web Server.