Nel precedente capitolo abbiamo costruito le fondamenta per istallare easyAsterisk sotto VMWare ESXi 4.1, adesso siamo pronti per avviare la nostra VM (Virtual Machine). Dopo aver premuto Power on, ci apparirà una videata di benvenuto che ci avvisa che tutti i dati verranno cancellati (naturalmente tutte le modifiche verranno applicate *esclusivamente* al nostro disco virtuale) e che alla fine dell’installazione l’interfaccia web di easyAsterisk sarà raggiungibile all’ip 192.168.0.1 .

Schermata iniziale al primo avvio da CDRom

Schermata iniziale al primo avvio da CDRom

Dopo l’invio, easyAsterisk ci chiederà alcune informazioni relative alla nostra nazionalità (per mappare correttamente la tastiera in uso). Nel mio caso ho selezionato it e premuto su OK.

Selezionate it e premete OK

Selezionate it e premete OK

Dovendo installare easyAsterisk sotto VMWare ESXi 4.1, mi auguro che abbiate già configurato l’NTP del vostro hypervisor, di conseguenza nelle vostre virtual machine l’UTC va deselezionato e selezionato il vostro fuso orario (se anche voi vi trovate in Italia, dovrete selezionare Europe/Rome).

Deselezionate UTC e selezioante Europe/Rome

Deselezionate UTC e selezioante Europe/Rome

L’uso di una password robusta in un sistema informatico è molto importante sia che questa realizzazione è destinata a voi che ai vostri clienti: non sottovalutate mai questo aspetto e scegliete una password di almeno 8 caratteri composta da numeri e lettere maiuscole e minuscole (vi consiglio di aggiungere tra i preferiti questo -link-).

Una password robusta è la base di un sistema sicuro

Una password robusta è la base di un sistema sicuro

Terminata questa procedura, il sistema si riavvierà e vi mostrerà nuovamente la schermata iniziale (questa per intenderci); dobbiamo spegnere la macchina virtuale (avete capito bene: andate su VM -> Power -> Power Off ).

Al termine dell'installazione spegnete la VM

Al termine dell'installazione spegnete la VM

Togliamo il segno di spunta dal CDRom perché questa volta dobbiamo avviare da Hard Disk affinché possa proseguire l’installazione.

Togliamo il segno di spunta da Connect at power on

Togliamo il segno di spunta da Connect at power on

Questa è la schermata di benvenuto di CentOS: non vi ci affezionate troppo perché verrà sostituita da quella di easyAsterisk al prossimo riavvio.

Questa è la schermata di avvio da Hard Disk

Questa è la schermata di avvio da Hard Disk

Premete invio per procedere con l’installazione (manca ancora qualche minuto al termine).

Premere invio per procedere con l'istallazione di easyAsterisk

Premere invio per procedere con l'istallazione di easyAsterisk

Siamo giunti al termine di questa procedura: premete Invio per continuare. Il sistema si riavvierà nuovamente.

Installazione terminata: premere Invio per continuare

Installazione terminata: premere Invio per continuare

Questa è la schermata della vostra nuova e scintillante installazione di easyAsterisk.

Schermata di avvio di un easyAsterisk perfettamente installato

Schermata di avvio di un easyAsterisk perfettamente installato

Nel terzo capitolo vi mostrerò come modificare l’indirizzo ip di default di easyAsterisk, come installare i vmware-tools (sostituiremo la scheda di rete Intel E1000 ed il controller SCSI LSI Logic Parallel rispettivamente con la più performante scheda di rete VMXNET3 ed il controller Paravirtual SCSI) e nel quarto capitolo (consideratelo un fuori programma) vi mostrerò un piccolo tuning riguardante il file di swap.